Inaugurazione del Corso di Alta Formazione nazionale riservato a docenti in servizio del Nuovo triennio audiovisivo Multimedia dei Licei Artistici

 

 

Saperi strumenti e policy per l’innovazione didattica della multimedialità

 

-Parte prima 2016-17 corrispondente a 3 crediti formativi-

 

 

 

Ricerca & medialità” ovvero “Temi di ricerca in ambiti mediali” è la Sezione inaugurale dei lavori del primo Corso di Alta Formazione a livello nazionale riservato a docenti in servizio del Nuovo Triennio audiovisivo multimedia dei Licei Artistici.

 

Bologna 1-2 Dicembre 2016

 

 

Cinema, video, multimedia e nuovi saperi. All'università di Bologna prende il via il Corso di Alta Formazione per i docenti dei Licei Artistici.

L'Innovazione mediatica corre veloce. Nuovi standard tecnologici, nuovi stili di vita sociale e nuove forme di consumo caratterizzano oramai da un decennio la scena del mondo multimediale.

Il rischio di finire disattualizzati è costante a tutti i livelli della società civile e non solo per quanto riguarda i meccanismi d'uso dei nuovi strumenti quanto anche e soprattutto per la conoscenza del cambiamento che avviene e per le sue implicazioni sociali e culturali.

I Docenti dei Licei Artistici per la loro funzione di preparatori al futuro dei giovani sono perfettamente consci della necessità di una continua ed approfondita formazione sui temi della medialità moderna, delle sue implicazioni formative, di indirizzo, di valutazione e, va detto, anche dei potenziali rischi ad essa associati quando questa innovazione venga ad essere agita ed applicata in forma puramente passiva o non consapevole.

La Rete Nazionale dei Licei Artistici, il Dipartimento delle Arti -visive performative mediali- dell'Università' di Bologna e la Fondazione Filmagogia, con il supporto del Dipartimento FISPPA dell’Università di Padova, la collaborazione del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Urbino e la promozione del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna, hanno dato vita al primo Corso di Alta Formazione per i docenti dei Licei Artistici attraverso il quale verrà messa loro a disposizione una approfondita disamina dei temi dominanti la scena del mondo multimediale unita ad una serie di coinvolgimenti operativi nel segmento della prassi del video.

 

Il Corso si esprime ed articola attraverso un iter formativo moderno e completo, composto da lezioni e sessioni di aggiornamento, attività didattica on line, progetti sperimentali individuali e documentazione condivisa, nel quale convergeranno le competenze e le esperienze professionali di docenti provenienti dalle università e dal mondo professionale. Con una particolare attenzione ai nuovi fenomeni spontanei della comunicazione giovanile.
 


RICERCA & MEDIALITA’

 

1 dicembre, giovedì – ore 15

Dipartimento delle Arti - visive performative mediali Università di Bologna - Via Barberia 4/a

 

Apertura dei lavori:

Claudio Marra -Vicedirettore, Dipartimento delle Arti,

Università di Bologna

Flaminia Giorda -Dirigente MIUR. Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale d’istruzione-

Maria Grazia Dardanelli -Presidente Rete Nazionale dei Licei Artistici

Roberto Pettenati -Presidente “Board di Progetto audiovisivo - multimedia”, Dirigente Liceo Artistico “ Paolo Toschi”, Parma.

Loretta Guerrini Verga -Fondazione Filmagogia, Dipartimento delle Arti, Università di Bologna-

 

Aspetti teorici in ambiti mediali :

Lo spettatore-organismo negli ecosistemi narrativi contemporanei”

 

Ruggero Eugeni -Dipartimento di Scienze della Comunicazione dello Spettacolo, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano.

Guglielmo Pescatore -Dipartimento delle Arti ,Università di Bologna-

Chairman: Giacomo Manzoli - Dipartimento delle Arti, Università di Bologna-

 

-Discussione-

 

ore 16.30 Coffe – break

 

Introduzione ai lavori: Luigi Guerra Direttore del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna

 

Sul versante della prassi della medialità:

No word, image only: dentro le pratiche della medialità con nuovi profili professionali”

 

Franco Ricchiuti -Idea Generator, “Project T” Milano- intervistato da

Antonio Verga Presidente TI-Swiss, Fondatore Centro Epson Meteo.

 

Ore 18.30 Discussione e chiusura dei lavori



RICERCA & MEDIALITA’

 

2 dicembre, venerdì –ore 10

Liceo Artistico “Arcangeli” via Cartoleria 9.

 

 

Apertura dei Lavori:

Maria Cristina Casali -Dirigente Liceo Artistico Francesco Arcangeli Bologna-

 

Note interdisciplinari in ambiti audiovisivi e mediali :

Il senso delle cose dalle inquadrature del film oltre il film”

Antonio Costa -Membro del Comitato Scientifico della Storia del Cinema italiano e del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma-

 

-Discussione-

 

Ore – 11.30 coffe-break

 

Introduzione al Corso di Alta Formazione:

Caratteristiche e operatività della piattaforma Moodle

Manlio Piva -Direttore del Corso di Alta formazione, Dipartimento FISPPA Università di Padova-

 

Ore 13.30 Discussione e chiusura dei lavori.

 


Profilo degli specialisti in ordine di partecipazione.

 

Ruggero Eugeni. E’ professore di Semiotica dei media presso l’Università Cattolica di Milano e dirige presso la stessa Università Almed, l’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (http://almed.unicatt.it/).

Si occupa di teorie del cinema e dei media anche in un dialogo con le neuroscienze cognitive, e dei caratteri linguistici e semiotici dei media contemporanei. 

I suoi ultimi volumi pubblicati sono Semiotica dei media. Le forme dell’esperienza (Roma, 2010), Invito al cinema di Stanley Kubrick (nuova edizione, 2014) e La condizione postmediale (Brescia, 2015). Ha recentemente curato i volumi Neurofilmology. Audiovisual Studies and the Challenge of Neurosciences (con Adriano d’Aloia, Milano-Udine 2014) e Storia della comunicazione e dello spettacolo in italia. Vol. II I media alla sfida della democrazia (1945-1978) (con Fausto Colombo, Milano 2015). 

Vari papers e preprint sono disponibili per la lettura e la discussione al sito media|experience|semiotics (http://ruggeroeugeni.com).

Guglielmo Pescatore. Presidente della  Consulta Universitaria Cinema nazionale, è professore ordinario presso l'Università di Bologna, dove insegna corsi di Economia dei Media, Semiotica, Cultura dell’Intrattenimento e Teoria dei Nuovi Media. Ha conseguito il PhD in Performing Arts presso l'Università di Bologna. Il suo lavoro è stato costantemente caratterizzato da una forte attenzione verso i fenomeni mutazionali, sia per le forme testuali, nonché per il valore sociale di media audiovisivi. Si è occupato di molte questioni teoriche, come i generi narrativi del cinema, l'idea di autore, il ruolo dei festival cinematografici e altre forme transnazionali di circolazione mediale.  Recentemente, i suoi interessi si concentrano sulla circolazione contemporanea di prodotti multimediali, il ruolo delle industrie creative, e l'uso delle nuove narrazioni dal pubblico e il fandom. La sua ricerca interdisciplinare ha dato vita a diverse pubblicazioni sugli ecosistemi narrativi, la loro produzione, distribuzione e usi multipli. E 'stato autore e curatore di libri e numeri di riviste accademiche (tra gli altri: "Le nuove forme della serialità televisiva Storia, linguaggio, Temi.", Archetipo 2008 con Veronica Innocenti, e "False / Illusion", numero speciale di La Valle dell'Eden 2010, con Paolo Bertetto), curatore di numerose proiezioni di film e conferenze nazionali ed internazionali, ed è stato invitato come relatore principale a numerosi convegni in Italia all'estero.

Websites: https://www.unibo.it/sitoweb/guglielmo.pescatore | https://unibo.academia.edu

Giacomo Manzoli Ph.D., è professore ordinario di Storia del Cinema Italiano presso l’Università di Bologna.

Ha diretto la laurea triennale in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) e la laurea magistrale in Cinema, televisione e produzione multimediale (Citem). E’ stato inoltre membro del Consiglio Universitario Nazionale (CUN). Ha tenuto corsi, come visiting professor, nelle Università di Urbino, Università Cattolica di Milano e Brown University (Providence, USA). Fra le sue pubblicazioni Voce e silenzio nel cinema di Pier Paolo Pasolini (Pendragon, 2001), Cinema e letteratura (Carocci, 2003), Da Ercole a Fantozzi. Cinema popolare e società italiana dal boom economico alla neotelevisione (1958-1976) (Carocci, 2012, vincitore del Premio Limina 2014 della Consulta Universitaria del Cinema come miglior libro italiano sul cinema). Ha inoltre pubblicato oltre un centinaio di articoli e saggi su riviste e volume italiani e stranieri. Tra le sue partecipazioni ai convegni: "Aldo Fabrizi after Rossellini: a Popular Icon of Christian Democrat Post-war Propaganda", in Popular Italian Cinema, King's College, University of London, 27-29 May 2009 (as Keynote Speaker); "Italian Film Factory", in The American Association for Italian Studies XXXII Annual Conference, College of Charleston, 3-5 May 2012 (as Special Guest); “Apparato e forme simboliche nel cinema italiano contemporaneo”, in The fourth annual Film Symposium on new trends in contemporary Italian cinema, Department of French and Italian, Indiana University, Bloomington, 17-20 April 2013 (as Keynote Speaker).

I suoi attuali interessi di ricerca riguardano le relazioni fra modi di produzione (in particolare quelli legati al finanziamento pubblico) e forme simboliche del cinema contemporaneo.

 

Luigi Guerra. Dal 2012, Direttore del Dipartimento di Scienze dell'Educazione “G.M. Bertin” dell’Università di Bologna

Dal 2006 al 2012, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna
Dal 2000, Professore ordinario di Didattica e Pedagogia speciale
Dal 2004 al 2010, Presidente del Centro E-Learning di Ateneo dell'Università di Bologna
Dal 2000 al 2006, Presidente del Corso di Laurea in Educatore Sociale Università di Bologna
Dal 1998 al 2004, Membro del Comitato Ordinatore della Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano, Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano
Dal 1997, Membro della Commissione per l'educazione ambientale della Regione Emilia-Romagna, Regione Emilia Romagna
Dal 1996 al 2001, Presidente della Commissione scientifica istitutiva del Dipartimento di Arti applicate dell'Università professionale della Svizzera italiana, Università della Svizzera italiana
Dal 1992 al 2000, Professore Associato di Didattica e Pedagogia speciale, Facoltà di Psicologia dell'Università "La Sapienza” di Roma

-Responsabile di collane editoriali presso le case editrici Junior di Bergamo e Bruno Mondadori di Milano.
-Referee italiano e membro del Comitato editoriale della rivista “European Journal of Social Work” della Oxford University Press.
-Condirettore (con A. Genovese) della Rivista online dell'Università di Bologna “Ricerche di Pedagogia e di didattica”
Responsabile scientifico di ricerche internazionali finanziate dalla UE (OERTest e ALFATrall)
-Responsabile scientifico della componente universitaria del progetto del MIUR Classi 2.0 per la Regione Emilia Romagna.
-Direttore scientifico della componente informatica del progetto SPEP (Support to Palestinian Education Programme) finanziato dalla Cooperazione italiana attraverso l'agenzia delle Nazioni Unite U.N.D.P.
-Direttore scientifico del progetto interdisciplinare Alma Two (Adaptive Learning Management Assets for Advanced Learning Methodology) finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.
-Responsabile della unità operativa di Bologna del progetto FIRB "L4A” (tutti possono imparare) un approccio multiparadigma, multicanale e multitecnologico alla pedagogia innovativa. 2007 Prot RBNE07RCPX
-Responsabile del progetto di cooperazione internazionale "Scuola inclusiva in Salvador" co-finanziato dal Ministero dell'Educazione del Salvador e dal MAE italiano

Web sities: https://www.unibo.it/sitoweb/luigi.guerra/pubblicazioni

 

Franco Ricchiuti. Professionista dell’Innovazione, da oltre 25 anni è protagonista nell’evoluzione dei Media, dei servizi Marketing, della Pubblicità, della Musica e della ricerca artistica. In particolare dalla metà degli anni ’90 ha ricoperto ruoli di fondatore o di massima guida nelle maggiori realtà italiane nel campo della Comunicazione Digitale nei gruppi Cell Network, TBWA e Network FCB sino a divenire oggi il promotore di un nuovo percorso imprenditoriale nel mondo della produzione di contenuti video, con particolare attenzione verso l’ambiente degli youtubers.

"Mi ritengo un professionista dell’Innovazione e ho avuto modo di sperimentarla di continuo durante i miei primi 25 anni di carriera. All’inizio nel Music Business (Emi Music prima e Universal Music dopo) in seguito, nel 1996 ho cambiato rotta iniziando un percorso imprenditoriale nell’allora nascente mondo del Marketing e Comunicazione Digitale con la mia prima Start Up, una Agenzia di Comunicazione (Web Agency) che mi ha permesso negli anni di sperimentare il rapporto professionale con l’Innovazione Continua.

Nel 2000 l’Agenzia è stata ceduta ad un gruppo multinazionale svedese, Cell Network, di cui sono diventato CEO della filiale italiana.  Entro poi nel gruppo TBWAAgency.com e con il ruolo di CEO e Partner e gestisco la crescita di una delle più importanti Agenzie Digitali in Italia, fino al 2010 e da qui, come CEO, in FCB Italia, filiale italiana del Network FCB, Agenzia di Comunicazione globale da cui esco a fine 2015 per iniziare un nuovo percorso nel mondo della Produzione di Contenuti Video."

 

Antonio Verga. Cibernetico di formazione , si occupa di comunicazione e media sin dai primi anni ’80. All’inizio come giornalista scientifico presso due importanti quotidiani italiani: l’Unità prima ed Italia Oggi dopo, in seguito passa nel mondo delle imprese ed entra nel Gruppo Industriale giapponese Seiko Epson Corporation. Per vent’anni si occupa in Epson delle attività di comunicazione corporate con la responsabilità della direzione italiana, europea ed internazionale negli investimenti del Gruppo in ambito di televisione, sponsorizzazioni e new media.

Nel 1995 fonda il Centro Epson Meteo e dieci anni dopo ne assume la carica di Amministratore. In Epson Europa all’inizio degli anni ‘2000 dà vita ad E-Tv, la Corporate Television del Gruppo diffusa via satellite in tutto il Vecchio Continente. È anche Presidente della società svizzera TI-Swiss che si occupa di innovazione strategica.

 

Antonio Costa. Saggista e storico del cinema, ha insegnato nelle Università di Bologna, dove ha diretto il Dipartimento di Musica e Spettacolo dal 1995 al 1998, di Trieste e di Venezia (IUAV) e, come visiting professor, a Paris VIII e a Montréal. Fa parte del Comitato Scientifico della Storia del Cinema italiano del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Tra i suoi libri piú recenti: la nuova edizione di Saper vedere il cinema (2011); Viaggio sulla luna (2013) e Il cinema italiano (2013). Per Einaudi ha pubblicato Il cinema e le arti visive (2002) e La mela di Cézanne e l'accendino di Hitchcock (2014).

 

Manlio Piva. Ricercatore presso il Dipartimento FiSPPA dell’Università degli Studi di Padova. Il suo campo di ricerca abbraccia la Media and Art Literacy. Insegna "Educazione artistica e Educazione Mediale" alla Magistrale in Scienze della Formazione Primaria e "Didattica degli audiovisivi e del multimediale" alla Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale. È direttore dell’Unità Operativa per la Formazione della Fondazione Filmagogia (riconosciuta dal MIUR). Progetta laboratori didattici e svolge consulenza presso le istituzioni scolastiche, gli enti di formazione e la Mediateca di Cinemazero, Pordenone, per la quale ha anche pubblicato il manuale per la didattica degli audiovisivi “Il coccodrillo luminoso e altre storie” (2009). 

SCARICA IL DOCUMENTO IN FORMATO PDF
<< Pagina precedentePagina successiva >>
Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici
e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy
Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'utilizzo dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy